TFH

Salute e Bellezza

Rinoplastica

Rinoplastica - Un bel naso

Rinoplastica Introduzione

Se in alcuni casi le deformità del naso possono essere il risultato di lesioni precedenti, per la maggior parte delle persone il fattore più significativo è il corredo genetico. La Rinoplastica (ovvero la chirurgia estetica di rimodellamento del naso) prevede la correzione chirurgica della forma del naso. Problemi respiratori che derivano da difetti strutturali del naso possono essere affrontati durante l'intervento. Le preoccupazioni del paziente possono concernere la dimensione del naso, la larghezza, urti o depressioni del dorso, punta bulbosa, cadente o viceversa all'insù, o una forma storta. Poiché ogni naso è unico, il chirurgo deve avere un approccio personalizzato per ogni paziente al fine di ristabilire l'armonia del viso in generale.
In base al tipo di rinoplastica prestabilita (rinoplastica aperta o rinoplastica chiusa) in fase di visita e colloquio con il paziente, il chirurgo effettuerà delle incisioni che vengono generalmente nascoste all'interno del naso o talvolta possono comparire anche esternamente alla base del naso, sulla columella (il tessuto molle che separa le narici). Durante il periodo di recupero, è possibile dover indossare un tutore post-operatorio posto sul dorso del naso, e talvolta stecche nasali interne per i primi giorni successivi alla rinoplastica.
A quale età un paziente può prendere in considerazione di sottoporsi ad un intervento di rinoplastica? In generale, è necessario avere raggiunto la maturità scheletrica facciale (che si verifica durante l'adolescenza), e un buon candidato alla rinoplastica dovrebbe avere un atteggiamento positivo e obiettivi realistici in merito all'intervento.

I candidati ottimali per una rinoplastica

Rinoplastica - Un bel naso

La rinoplastica può migliorare l'aspetto e conseguentemente la fiducia in se stessi, è indubbio, ma non necessariamente tali modifiche devono essere mirate a renderlo somigliante ad un ipotetico ideale prefigurato dal paziente, né quest'ultimo deve aspettarsi un mutamento nelle relazioni interpersonali successivo alla rinoplastica, essendo erroneamente portati a pensare che eventuali problemi di relazione con il prossimo possano essere risolte con un intervento chirurgico. Prima dunque di decidere di fare un intervento chirurgo come una rinoplastica, si suggerisce di pensare con attenzione a quelle che sono le proprie aspettative e discuterle con il chirurgo plastico, per comprendere se quello che vogliamo ottenere è effettivamente quello che possiamo raggiungere.
I migliori candidati per la rinoplastica sono persone che sono alla ricerca di un miglioramento, e non della perfezione, del modo in cui apparire.
Se siete fisicamente sani, psicologicamente stabili e realistici nelle vostre aspettative, potrete essere dei buoni candidati per la rinoplastica.
La rinoplastica può essere eseguita per soddisfare obiettivi estetici o per fini ricostruttivi per correggere difetti di nascita o problemi respiratori.
Come già accennato, anche l'età è un criterio che deve essere tenuto in considerazione nella valutazione di una rinoplastica. Molti chirurghi plastici estetici preferiscono non operare sugli adolescenti fino a che non hanno completato il loro periodo di crescita, che si aggira intorno ai 14/15 anni per le ragazze, ed un po' più tardi per i ragazzi. E' importante che il chirurgo consideri anche il fattore sociale ed emotivo degli adolescenti, e si assicuri che la richiesta di un intervento di rinoplastica sia quello che desidera effettivamente il giovane e non i suoi genitori per lui/lei.

Rinoplastica e rischi di intervento

Quando la rinoplastica viene eseguita da un chirurgo plastico qualificato, le complicanze sono rare e di solito di lieve entità. Tuttavia, vi è sempre la possibilità di complicazioni tra cui l'infezione, perdita di sangue dal naso, o una reazione all'anestesia. È possibile ridurre i rischi seguendo con attenzione le istruzioni del chirurgo, sia prima che dopo l'intervento chirurgico.
Dopo l'intervento chirurgico di rinoplastica la rottura di piccoli vasi sanguigni può portare alla comparsa di piccole macchie rosse sulla superficie della pelle; queste sono generalmente trascurabili in quanto di lieve entità, ma possono in rari casi essere permanenti. Anche per le cicatrici vale lo stesso discorso. Se la rinoplastica è di tipo "chiusa", ovvero viene seguita totalmente dall'interno del naso, non ci sono cicatrici visibili; quando invece si utilizza la tecnica di rinoplastica aperta, o quando l'intervento richiede il restringimento delle narici, vengono prodotte delle piccole cicatrici sulla base del naso che di solito non sono visibili, ma che in rari casi potrebbero rimanere percettibili.
In circa un caso su dieci operati di rinoplastica, un secondo intervento può essere richiesto, ad esempio, per correggere una deformità minore. Questi casi sono imprevedibili e si verificano anche per i pazienti dei chirurghi più abili. L'intervento chirurgico di rinoplastica correttiva è di solito minore.

Pianificare la rinoplastica

Per pianificare un intervento di rinoplastica una buona comunicazione tra il paziente ed il chirurgo plastico è essenziale. Nella visita di consultazione il chirurgo estetico vi chiederà come desiderate avere il naso, valuterà la struttura del naso e del viso, discuterà le possibilità e alternative con voi. Dovrà anche spiegarvi i fattori che possono influenzare la rinoplastica ed i suoi risultati. Tra questi fattori, la cartilagine e la struttura delle ossa nasali, la forma del viso, lo spessore della pelle, l'età, e le vostre aspettative.
Il chirurgo estetico vi fornirnà ulteriori dettagli, come le tecniche di rinoplastica usate, il tipo di anestesia, la struttura in cui verrà eseguito l'intervento chirurgico, i rischi ad esso connessi, i costi della rinoplastica ed eventuali opzioni che si possono avere. C'è da precisare che negli interventi di chirurgia estetica il Sistema Sanitario Nazionale non fornisce alcune copertura finanziaria, ma nei casi di rinoplastica a scopi ricostruttivi, o per correggere un problema di respirazione come una marcata deformazione che ne comprometta le funzionalità, l'intervento di rinoplastica può essere riconosciuto e coperto. Il paziente può informarsi presso il proprio chirurgo per conoscere se il suo caso può rientrare o meno nella copertura del nostro SSN.
Assicuratevi di dire al vostro chirurgo estetico se avete avuto una precedente rinoplastica o un infortunio al naso, anche se è stato molti anni fa. Dovreste inoltre informare il chirurgo plastico di eventuali allergie o difficoltà respiratorie, se assumete farmaci, vitamine o droghe, se fumate.
Non esitate a fare al vostro chirurgo tutte le domande che vi interessano, soprattutto per quanto riguarda le vostre aspettative e le preoccupazioni per i risultati.

Preparazione all'intervento di rinoplastica

Il chirurgo estetico vi fornirà istruzioni specifiche su come prepararsi per l'intervento di rinoplastica, vi darà indicazioni su come mangiare e bere, sul comportamento verso il fumo, di evitare alcune vitamine e farmaci, e su come lavarsi il viso. Seguendo attentamente le sue istruzioni ottimizzerete i risultati della vostra rinoplastica, riducendo anche i rischi connessi all'intervento.
In fase di preparativi, non trascurate di organizzarvi in anticipo su chi si prenderà cura di voi, sia per riportarvi a casa dopo la rinoplastica che nei giorni immediatamente successivi per ogni evenienza, se necessario.

Rinoplastica dove

In base al chirurgo estetico scelto, la rinoplastica può essere eseguita in strutture diverse come in una clinica privata, in un centro di chirurgia ambulatoriale, o in ospedale.

Rinoplastica e anestesia

La rinoplastica può essere eseguita in anestesia locale o generale, a seconda della portata dell' intervento e di ciò che insieme al vostro chirurgo avete preventivamente accordato.
In anestesia locale, solitamente verrete leggermente sedati, ed il naso e la zona circostante anestetizzati; sarete svegli durante l'intervento chirurgico, ma rilassati e insensibili al dolore. Con l'anestesia generale dormirete durante tutta l'operazione.

Rinoplastica intervento

Rinoplastica - Come ? fatto il naso

La rinoplastica richiede solitamente una o due ore, anche se le procedure complesse possono richiedere più tempo. Durante l'intervento di rinoplastica la pelle del naso viene separata dalla sua intelaiatura ossea e cartilaginea portante, che viene poi scolpita sulla base della forma desiderata. La natura dell'intervento dipenderà dal vostro problema e dalla tecnica preferita dal vostro chirurgo estetico. Al termine dell'intervento di rimodellamento del naso, la pelle verrà riposta sulla nuova struttura.
Molti chirurghi plastici eseguono la rinoplastica dall'interno del naso, effettuando incisioni unicamente all'interno delle narici. Altri chirurghi preferiscono una procedura aperta (rinoplastica aperta), specialmente nei casi più complicati; fanno una piccola incisione attraverso la columella, la striscia verticale di tessuto che separa le narici.
Al termine dell'intervento di rinoplastica viene applicata una stecca per aiutare il naso a mantenere la sua nuova forma. Tamponi nasali o stecche di plastica morbida possono essere posizionati nelle narici per stabilizzare il setto, la parete divisoria tra i due passaggi di aria.

Dopo la rinoplastica

Dopo l'intervento chirurgico di rinoplastica, in particolare durante le prime ventiquattro ore, il viso sarà gonfio, il naso potrà dolere, e potreste avere una sorda emicrania. È possibile tenere sotto controllo eventuali dolori e disagi mediante i farmaci antidolorifici prescritti dal vostro chirurgo. Contate di rimanere a letto (tranne che per andare in bagno) con la testa alzata per il primo giorno.
Noterete che il gonfiore e i lividi intorno agli occhi aumenteranno in un primo momento, raggiungendo un picco dopo due o tre giorni dalla rinoplastica. L'applicazione di impacchi freddi ridurrà il gonfiore e vi farà sentire un po' meglio. In ogni caso, vi sentirete molto meglio di quanto potrà apparire dal vostro aspetto. La maggior parte del gonfiore e dei lividi dovrebbe scomparire entro circa due settimane dalla rinoplastica.
Un po' di sanguinamento è comune durante i primi giorni dopo la rinoplastica, e potreste continuare a sentirvi un po' congestionati per diverse settimane. Il chirurgo estetico probabilmente vi chiederà di non soffiarvi il naso per circa una settimana, mentre i tessuti guariscono.
Se verranno usati i tamponi nasali, essi saranno rimossi dopo pochi giorni dalla rinoplastica e vi sentirete da subito più a vostro agio. Alla fine della prima o, talvolta, della seconda settimana, tutte le medicazioni, stecche, e punti dovranno essere rimossi.

Rinoplastica e ritorno alle normali attività

La maggior parte dei pazienti che si sottopongono ad un intervento di rinoplastica possono rimettersi in piedi entro due giorni, e sono in grado di tornare a scuola o al lavoro, se di tipo sedentario, entro una settimana dall'intervento. Saranno necessarie diverse settimane, tuttavia, prima di essere completamente a regime.
Il chirurgo estetico vi fornirà le linee guida più specifiche per riprendere gradualmente le normali attività. Tra i suggerimenti più comuni vi sarà indicato di:

  • evitare sforzi (jogging, nuoto, piegamenti, attività di qualsiasi impegno in grado di aumentare la pressione sanguigna) per due o tre settimane
  • evitare di colpire, strofinare il naso
  • evitare di esporsi al sole per otto settimane
  • fare attenzione quando vi lavate il viso ed i capelli e massima attenzione quando usate i cosmetici.

Potrete mettere le lenti a contatto non appena vorrete, ma gli occhiali richiedono più cautela. Chiuse le stecche, gli occhiali dovranno essere o attaccati con del nastro adesivo alla fronte oppure dovrete assicurarvi che poggino soltanto sulle guance. Questo accorgimento dovrà essere rispettato per altre sei o sette settimane dalla rinoplastica, fino a quando il naso non sarà  completamente guarito.
Il chirurgo estetico programmerà  visite di controllo frequenti nei mesi dopo l'intervento di rinoplastica, per verificare lo stato di avanzamento della vostra guarigione. Se avrete sintomi insoliti tra una vista e l’altra, o domande su ciò che si può e non si può fare, non esitate a chiamare il chirurgo.

Il vostro nuovo aspetto

Nei giorni successivi all’intervento di rinoplastica, quando il volto sarà contuso e gonfio, sarà facile dimenticare che presto le cose inizieranno a migliorare. In effetti non di rado accade che i pazienti si sentano depressi nelle prime settimane dopo la rinoplastica, e ciò è abbastanza normale e comprensibile.
Siate certi che questa fase passerà. Giorno dopo giorno il naso inizierà a migliorare e con esso il vostro spirito. Entro una settimana massimo due dalla rinoplastica, non avrete più l’aspetto di chi si è sottoposto ad un intervento chirurgico.
Eppure la guarigione è un processo lento e graduale. Alcuni leggeri gonfiori possono essere presenti per mesi, soprattutto sulla punta del naso. I risultati definitivi della rinoplastica possono essere evidenti e dunque apprezzati pienamente dopo un anno o più dall’intervento.

Nel frattempo, potreste osservare alcune reazioni inaspettate da parte di familiari e amici. Essi potrebbero dire che non si vede una grande differenza dal naso di prima a quello di oggi. Oppure potrebbero reagire con risentimento, soprattutto se avete cambiato del naso qualcosa che essi vedono come caratteristica della famiglia o di appartenenza ad una certa etnia. Se ciò accade, cercate primariamente di tenere a mente il motivo per cui avete deciso a suo tempo di fare la rinoplastica. Se avrete raggiunto i vostri obiettivi allora la rinoplastica sarà stata un successo.

 


Link esterni